21 giugno 2013

Lei ama lui che ama lei che ama un altro.

Siamo sempre e comunque le più forti, purtroppo. Non c'è niente da fare un uomo abbandonato non respira e per anni respirerà solo il profumo della donna che non ha più. Una donna ha la pazienza di soffrire in silenzio, di rimandare, di sognare, di sperare. Supera ostacoli enormi con la forza di 100 guerrieri armati, supera e va avanti. Supera e scopre il meglio. Dopo una rottura si trova sempre una nuova parte di se. Camminando, proseguendo, pensando alla strada e alle sue fottute scarpe. Piangere è sacro ma fermarsi per farlo è inutile. Chiudere la pagina, voltarla e scoprirne un altra. Una pagina nuova con nuovi noi da leggere e scoprire. Non è più semplice per lei è solo che lei è più forte. Oggi sembra sia così. E non è mica l'amore ma l'orgoglio a rendere un uomo immobile di fronte le sue lacrime artificiali. La donna non ha orgoglio a sufficienza da poter decidere di non continuare a vivere e scoprire. Ed è per questo che amiamo tanto da superare ogni vostra piccola enorme stronzata, perchè il nostro amore è più forte del vostro orgoglio. E proseguiamo, lasciandoci dietro gli errori, aspettando che il punto massimo non si spezzi. Ma una volta fatto, andiamo avanti continuando a sognare senza mai smettere. Nuove isole, nuove noi, nuovo. Il futuro è il presente, non il passato che abbiamo perso, o continueremo a perdere soltanto. Perderemo tutto quello che ci si muove intorno, occasioni, pensieri, scoperte, nuovi modi di amare, di essere, di agire. Nuovi profumi da coltivare e sopra cui costruire i nostri castelli di carta. Chi chiude gli occhi ha perso.

24 agosto 2012

Hurt - Johnny Cash

+⁴

Riuscire a fottersene a fottersene a fottersene a fottersene a fottersene a fottersene
a fottersene a fottersene a fottersene a fottersene a fottersene a fottersene
a fottersene a fottersene a fottersene a fottersene a fottersene a fottersenea fottersene a fottersene a fottersene a fottersene a fottersene a fottersene a fottersene a fottersene a fottersene. Riuscire.
Riuscirci.
Imparare.
Sbagliare, cadere, capire, rialzarsi e fottere tutto.

28 luglio 2012

I Wish To Weep

Non sono una persona polemica, al massimo mi considero una persona che analizza la vita e tutto quello che la costituisce, dalle cose più semplici e banali, a quelle più personali e mentali. Giudico il mondo senza permettere a una mia morale di criticarlo. Non ho una morale, modifico me stessa con la stessa velocità di un battito di ciglia e io stessa non saprei catalogarmi in nessuna tipologia caratteriale.
Il resto del mondo (megalomania) potrebbe pure pensare quel che vuole, conviene, vedere, sentire, percepire e tirare fuori giudizi come freccette contro, per farsi il favore di regalarsi una bella dose di vanità personale.
SBAGLIANO SOLTANTO.
SBAGLIAMO SOLTANTO.
Non mi si può prendere in alcun verso del giorno e della notte, in alcun verso uscito dalla mia bocca perchè quello che penso è sempre molto più in là di quel che voglio e posso mostrare. Non mi importa essere da questa parte o da quell'altra, mi importa essere senza pensare dove sia e come sia, solo non faccio a meno di essere presente a questo spettacolo di giocolieri imbottiti di orgoglio e vanità che danzano sparando proiettili dal tocco leggero come piume. Le sole cose di cui non posso fare a meno e di cui ho certezza è il caffè, ancora non sono arrivata al whisky da mettergli dentro e non so mai se ci arriverò visto che la mia vita è ben indirizzata verso una strada lineare e produttiva. E poi necessito di dare quell'aria sopra il mondo che mi fa tanto scudo su ogni cosa che mi respira intorno. Sono innamorata di me.
Profondamente innamorata di me. E come chiunque altro innamorato di se stesso, voglio l'amore del mondo ai miei piedi, anche se oggi comincio ad adattarmi al pessimo ascolto del pessimo mormorio che spesso mi assorda. Tornata da pochi giorni alla mia città natale non ho potuto far altro che vivere pienamente la giostra pietosa con cui ci si dovrebbe divertire. Non che abbia visto di meglio, o forse sicuramente si, ma pessima la musica e la gente che si adatta e si fa piacere anche la merda ben spalmata come fosse marmellata su un toast andato a male. E tutti sorridono e aspettano l'alba, e io sorrido e con loro faccio lo stesso, ma quest'alba arriva troppo presto, e non si smaltisce la soddisfazione. Non si riempie il barattolo, restiamo come una intera popolazione sconvolta in attesa del prossimo giro. Che bisogna farci, c'è a chi piace così. C'è chi non ha visto di meglio. C'è di peggio. C'è che ci si accontenta, c'è chi trova pace in questa piccola giostra dove il nastro s'incanta sullo stesso brano.
E si ripete, si ripete, ancora e ancora. Ancora. Partire è sempre la soluzione più allettante, la consolazione che ti fa ascoltare piacevolmente quel nastro che gira sempre uguale. Ma in fondo, forse tutta la vita è come un nastro che gira e che quando finisce rimettiamo da capo. O forse, questa è solo l'amara consolazione per dire "hey, ma la vita è bella! Andiamo alla prossima festa che tutto è diverso". Ed è talmente vero che mi viene una lieve nausea. La vita è così bella, solo eviterei la prossima festa dove si crede sul serio che tutto sia diverso.


20 maggio 2012

C'è una ragione di più

Ci saranno dei giorni in cui sarai solo, senza nulla da fare, senza voglia di cantare, di suonare, di fare robe.
Giorni in cui ripenserai a me.
Guarderai le mie foto, i miei video, il mio blog.Rileggerai le nostre mail e le nostre parole.Ricorderai le mie labbra e il mio viso da vicino, il mio sorriso felice, i nostri occhi che si parlavano solo guardandosi.
Le nostre ore, i minuti, i secondi contati..quando passeggiavamo in silenzio o parlando all'infinito venendoci sopra entusiasti e felici come due che non parlavano da anni. Ricorderai quando qualcuno dei due diceva all'altro "devo andare" e mentre andava si girava a guardare se l'altro restava fermo ad aspettare quello sguardo. E questo succedeva sempre.
E poi, dopo neanche un metro già la telefonata o il messaggio, perchè le cose da volerci dire non finivano ancora, non finivano mai. Ricorderai di me, di noi. Di un tempo breve e intenso, fatto di fantasia, sogni e sorrisi, di voglie e desiderio. Un tempo breve. Forte.
E capirai che a volte per cancellare una vita ci vuole un attimo, ma che per cancellare un attimo ci vuole una vita.

17 maggio 2012

Tu. forse non essenzialmente tu.

La gente, le persone, il mondo...l'essere umano, l'unico animale essenzialmente sociale e così incapace di farlo realmente, totalmente, indistintamente, perfettamente, in modo adeguato, rispettoso, puro e semplice. Le persone mi preoccupano, tante. Perdono il sogno rincorrendo altri sogni. Perdono l'attimo, il giorno e anche l'ora. Perdono quel che potrebbero avere quando lo hanno e aspettano e rimandano a quando non potranno più averlo. Godono di momenti superflui, veloci, contati. Si accontentano senza voler vedere, accecati dal peso delle responsabilità e dai sensi di colpa inutili e fittizi, irreali, creati da mostri di società conturbanti che con i loro pregiudizi, finti perbenismi e finti moralismi, gli impediscono di godere a pieno dei frutti che la vita offre loro. Scendono a compromessi con i loro più forti desideri..trattenendoli, trattenendosi...per ottenere solo un inutile vuoto che li avvolge e li avvolgerà in futuro, quando sarà tardi, e riusciranno a vedere e a capire. Ma sarà tardi. Ma è già tardi. Dormi. Fai dolci sogni e non svegliarti perchè potrebbe non convenire.

10 aprile 2012

Lupo della steppa

Io lupo della steppa trotto e trotto,
il mondo giace avvolto nella neve,
dalla betulla svolazza lento un corvo
ma in nessun luogo una lepre, un capriolo!
Dei caprioli sono tanto innamorato,
cosa sarebbe se potessi trovarne uno!
Lo prenderei tra i denti, tra le zampe,
non c'è niente di tanto iniebriante.
Sarei con lui gentile, affettuoso,
i denti affonderei nei tenui lobi,
mi sazierei del sangue suo scarlatto
per poi ululare nella notte nera.
E mi accontenterei anche di una lepre,
dolce il sapore, di notte, della sua calda carne.
Ma dunque tutto, tutto mi è negato
ciò che un poco rasserenava la vita mia?
Sulla mia coda già il pelo è ingrigito
e anche la mia vista mi s'annebbia e oscura,
da tempo mi lasciò la mia compagna.
Ed ora trotto e sogno caprioli,
trotto e sogno di lepri mentre il vento
sibila nel gelo dell'inverno,
la mia gola riarsa ingozza neve,
e l'anima mia misera dò al demonio.

01 aprile 2012

+

Posso davvero vivere sempre con una valigia?
L.A.
N.Y.
sto arrivando...

19 marzo 2012

Jimi Hendrix - Voodoo Child

+

Sei libero di scegliere, in entrambi i casi sei fottuto. La legge.
Sei libero di scegliere, in entrambi i casi sei fottuto. La politica
Sono libera di scegliere gay o ventenne, in entrambi i casi nessuno ti fotte.

15 marzo 2012

So long Babylon

Ci provo, apro il frigo ma preferisco un intera moka...e il procedimento continua fino all'estremo...rischio di ciccare sulla tazza del caffè, cicco sempre ovunque per sbaglio, la cicca diventa senpre lunga fino a cadermi dappertutto..poco importa...spesso..soffio sopra e vola via.
Ieri ho letto qualcosa come l'amore è la cenere..e il resto non lo ricordo..
never mind!!
Contano solo poche cose...una donna picchiata, piena di lividi e sangue.
Uomini che ancora si permettono di essere violenti.
Donne che in fine danno colpa a se stesse..."se non mi fossi messa in quella situazione"
Quante cazzate...
Tutti dicono "io una donna non la toccherei mai", ancora cazzate.
Gli uomini sono violenti.
Se una donna ha una minigonna credono di avere il diritto.
Se rubano, l'occasione fa l'uomo ladro.
Quante scuse per giustificare gesti che oggi giorno dovrebbero essere eliminati..massacrati...puniti.
E invece restano come sono...lei si protegge dicendo che dovrebbe proteggersi non frequentando + certa gente, lui si giustifica dicendo chissà quali cazzate...
e la vita è la ruota di una giostra...ma che si deve pur fermare un giorno..
e io lo penso sempre..tutto quel che fai prima o poi ritorna.
Tutto torna. Tutto gira. Quel che fai prima o poi ti arriva!
E si scherziamoci pure sopra con altri detti.
Ma quando un uomo incivile capirà che civilizzarsi non significa restare un paesano malato e violento che si è arricchito narcotrafficando in Europa?
La merda resta merda..la bellezza, bellezza.
E quel che si dice non ha valore...solo la verità ne ha...e una verità resta tale anche se non la si conosce...

03 marzo 2012

+

Chi l'ha detto che se non tocchi il fondo non puoi risalire...non lo ricordo...
so solo che non bastano le cicatrici o i tatuaggi, non basta il segno che ti fai per ricordare di ricordarti...so solo che sono + forte delle bombe e che cado sempre in piedi...forse è questo il problema.

23 febbraio 2012

Radiohead - 2+2=5 (HD 1080p) (Lyrics)



Sei un tale sognatore
Da voler mettere a posto il mondo

Io resterò per sempre a casa
Dove due più due fa sempre cinque

Giacerò lungo linee già tracciate
Mi mimetizzerò
Gennaio ha piogge d’aprile

E due più due fa sempre cinque

E’ il regno del diavolo, ora

Non c’è via d’uscita
Puoi urlare e puoi gridare
E’ troppo tardi, ormai
Perché

Non hai prestato attenzione
Prestato attenzione
Prestato attenzione
Prestato attenzione

Non hai prestato attenzione
Prestato attenzione
Prestato attenzione
Prestato attenzione

Non hai prestato attenzione
Prestato attenzione
Prestato attenzione
Prestato attenzione

Non hai prestato attenzione
Prestato attenzione
Prestato attenzione
Prestato attenzione

Cerco di cantare ma sbaglio tutto
Perché non sono capace
Perché non sono capace

Li schiaccio come mosche
Ma come le mosche, tornano a perseguitarmi
Perché non sono capace
Perché non sono capace

Tutti salutano il ladro
Tutti salutano il ladro
Ma io non lo sono!
Ma io non lo sono!
Ma io non lo sono!
Ma io non lo sono!

Non mettere in dubbio la mia autorità, non mettermi sul banco degli imputati
Perché non lo sono
Perché non lo sono

Và dal re a dirgli che il cielo sta crollando
Quando non è vero
Quando non è vero
Quando non è vero
Quando non è vero
Forse no
Forse no

18 febbraio 2012

Non ti curar di loro... ma guarda e passa

La gente non è in grado di capire...
è solo capace di ridere...
di deridere...
credendosi più furba...
credendosi più in gamba...
credendo di difendersi...
dalla propria ignoranza...
punta il dito...
e a volte fa male...
e a volte fa pena...
e a volte fa odio...
e a volte fa niente...
ma la tua maschera è magica...
perchè la gente non è degna di ammirarti...
non merita di godere del tuo viso...
non merita di scrutare nei tuoi occhi...
hai un dono...
hai il dono di diffondere le tue parole...
hai il dono di spargerle come lacrime di cristallo...
hai il dono di lanciarle come lame...
e per farlo non c'è bisogno che ti si veda in volto...
ed è questo che loro non sono capaci di capire...
che è più importante quello che scrivi...
che è più importante quello che dici...
anzichè ciò che mostri...
anzichè ciò che possano vedere...
e nonostante tu sia una Dea...
non hai bisogno di questi terreni artifici...
la tua arma è più forte...

+

Aria senza Luce.
E senza un perché.
Come un bisturi che leggero affonda e scorre. In verticale.
Il sangue sgorga. Rosso purpureo. Veloce. Senza rumore. Senza dolore.
Senza un perché.
Aria che voleva solo esser Aria d'Amore.
Violento e Dolce.
Solo Amore.
Puro e sporchissimo.
Dolce Luce.
Crudele.
Hai pugnalato l'aria. "Solo colpi dritti al cuore".
Hai mirato e sparato all'aria.
Senza un perché.

Ma l'Aria é vita.
E non si ferma.
Come un carillon rotto continua a suonare.
Così.
Senza un perché.

"L'Amore é un'operazione chirurgica senza anestesia".

17 febbraio 2012

Cose preziose

la lettera + bella + vera e + sensibile che abbia mai ricevuto . Con te non c'è bisogno di parlare quando siamo lontane ...mi appari su fb che mi chiedo : ma come fa a scrivere le cose come se sapesse i miei momenti ...i momenti in cui mi fermo per ricaricarmi ? tu mi senti ...tu senti tutto , tu puoi tutto tu sei la forza + grande , sono fiera di te e di come prendi la vita ..di come vai avanti e mi ricordi quanto siamo grandi quanto siamo profonde quanta energia pulita abbiamo dentro e quanta non ne va sprecata in inutili pensieri o inutili paure ! poi che nella vita ci sono gli altri e i bassi , le separazioni e i dolori ....le gioie finte e quelle vere ...va da se che sappiamo bene le differenza e quanto si cresce e ci si migliora anche nei momenti no. In batman quando lui è a terra mezzo moribbondo lui chiede perchè tutto questo ? e il suo migliore amico nonchè maggiordomo nonchè sostegno gli risponde : si cade per imparare a rialzarsi ! Noi dovremmo averlo chiaro , e si ...siamo speciali ..non dimentichiamolo mai quando qualcuno vorrebbe farci sentire nullità .
ti adoro , ti mando tutto l'amore che ho.

Cri

Togli la ragione e lasciami sognare in pace.

Sono una nuvola,
fra poco pioverà e non c'è niente
che mi sposta o vento che mi sposterà..

Potrei ma non voglio fidarmi di te
io non ti conosco e in fondo non
c'e' in quello che dici qualcosa
che pensi sei solo la copia di
mille riassunti, leggera leggera si
bagna la fiamma, rimane la cera e
non ci sei più non, ci sei più
non
ci sei...

15 febbraio 2012

Ora capisco perchè me l'hai dedicata..

Barcellona, stessi passi, stessi pensieri, stessi bicchieri e bottiglie e stessa me nel video, quanti ricordi..
"LO SAI CHE SEMBRI AMY WINEHOUSE?" a ripetizione e ovunque,"E' MORTA LO SAPETE?".
SHOCK!

"ti penso. mucho y me sigues gustando. y nos encontraremos pronto y vamos a tener una segunda oportunidad, lo siento asi lo intuyo." 31 AGOSTO 2011, chissà se avrai ragione.





All I can ever be to you,

Is a darkness that we knew,

And this regret I had to get accustomed to,

Once it was so right,

When we were at our high,

Waiting for you in the hotel at night,

I knew I hadn't met my match,

But every moment we could snatch,

I don't know why I got so attached,

It's my responsibility,

And you don't owe nothing to me,

But to walk away I have no capacity

He walks away,

The sun goes down,

He takes the day but I'm grown,

And in this grey, in this blue shade

My tears dry on their own,

I don't understand,

Why do I stress A man,

When there's so many better things at hand,

We could a never had it all,

We had to hit a wall,

So this is inevitable withdrawal,

Even if I stop wanting you,

A Perspective pushes thru,

I'll be some next man's other woman soon,

I shouldn't play myself again,

I should just be my own best friend,

Not fuck myself in the head with stupid men,

He walks away,

The sun goes down,

He takes the day but I'm grown,

And it's OK,

In this blue shade,

My tears dry on their own,

So we are history,

YOUR shadow covers me

The sky above,

A blaze only that lovers see

He walks away,

The sun goes down,

He takes the day but I'm grown,

And it's OK,

In this blue shade

My tears dry on their own,

I wish I could SAY no regrets,

And no emotional debts,

And as we kiss goodbye the sun sets,

So we are history,

The shadow covers me,

The sky above a blaze that only lovers see,

He walks away,

The sun goes down,

He takes the day but I'm grown,

And it's OK,

In this blue Shade,

My tears dry on their own,

He walks away,

The sun goes down,

He takes the day but I'm grown,

And it's OK,

My deep shade,

My tears dry

He walks away,

The sun goes down,

He takes the day but I'm grown,

And it's OK,

My deep shade,

My tears dry

IL TEATRO DEGLI ORRORI "Dimmi addio" da "IL MONDO NUOVO" (2012)

12 febbraio 2012

Comunicazione di servizio

Anche quando pensiamo che sia il caso o il destino, in realtà siamo noi a determinare le nostre cadute, bruciature, unghie spezzate a metà, incidenti e danni fisici vari....
quindi se non vuoi aumentare stress nella tua vita, cammina solo un passo alla volta, perchè a correre ne consegue solo che finisci per rotrovarti col fiatone.

11 febbraio 2012

Vivo in un posto dove tutto quello che accade
sembra accadere per caso
Una strada attraversa il paese
Il paese è quella strada
Nessuno ha scelto di vivere qui
Ma c’è qualcosa che ci trattiene
Perchè anche se non c’è amore
a volte
a volte c’è qualcos’altro
____________________________________
E io ho lasciato l'amore per quel qualcos'altro.
Anche se ancora parlo castigliano-italo-romano.

+

17 settembre 2011




Una sera, diventò presto notte.
Avevo tutto dentro il mio corpo, tutto.
Volavo camminando, stringevo forte le mascelle, volevo bere ancora e camminavo veloce, non sapevo dove fossi, Barcellona si, ma non sapevo dove fossi. Camminavo volando. Volavo. Mi guardavo indietro, avevo paura di lui. Non volevo vederlo. Sapevo che lui era come me. Sapevo che non si sarebbe riuscito a controllare se VOLEVA!. Avevo paura. Lo amavo e avevo paura. I pod a palla nelle orecchie. Volavo. Trovai quello stesso posto. Lesbiche al mio fianco. Tipo solitario bisognoso all’altro. Volevo piangere ma non potevo, troppa gente con i loro occhi addosso a me. Birra. Mani tra i capelli. Mani nella testa. E ora cosa farò? neanche il pensiero. Ero piena di tutto in uno stato di agitazione e beatitudine che non lasciavano spazio a certi pensieri. Ecco. La birra placò le ansie, ma non l’anima. Questa canzone a ripetizione. Dentro il locale, per la strada. La cantavo, la ballavo, volavo e ancora. Repeat. Repeat. Lotus Flower. Mi placò. Mi fece saltare senza muovermi. Ritornai all’ovile. Dove il mio cuore e il mio sesso mi attendevano. Ciao. Ciao. Ti amo. Scusami anche io sono pazzo a volte. Lo siamo tutti. Per questo ti capisco. Per questo ti amo. Pace.

______________________________________________________________________________
Ancora non ho cancellato. Stupido codardo. Vivi bene la tua vita senza noi? Non credo.
_______________________________________________________________________________


Mi introdurrò furtivamente nella tua tasca
Invisibile, farò quello che vuoi, farò quello che vuoi
Affonderò e sparirò
Scivolerò nel groove gola e fermami, fermami

C’è un vuoto dentro il mio cuore
Dove le ali mettono le radici
Quindi ora io ti libererò
Ti libererò
C’è un vuoto dentro il mio cuore
E non attecchirà
Stasera io ti libererò
Ti libererò

Lentamente ci srotoliamo
Come fiori di loto
E tutto quello che voglio è la luna su di un bastone
Ballando intorno ad un pozzo
Solo per vedere di cosa si tratta
Non riesco a liberarmi da questo vizio
Giusto per alimentare la tua testa gonfia come un pallone
Ascolta il tuo cuore

Beati noi staremo tranquilli come topi
Mentre il gatto è via e farmo quello che vogliamo
Faremo quello che vogliamo

C’è un vuoto dentro il mio cuore
Dove le ali mettono le radici
Quindi ora io ti libererò
Ti libererò

Perché tutto quello che voglio è la luna su di un bastone
Solo per vedere di cosa si tratta
Solo per vedere di cosa si tratta
Prendi i fiori di loto nella mia stanza
Lentamente ci srotoliamo
Come fiori di loto
Tutto quello che voglio è la luna su di un baston
Danza intorno a un pozzo
Il buio è sotto
Non riesco a liberarmi da questo vizio
Giusto per alimentare la tua testa gonfia come un pallone
Ascolta il tuo cuore

(Fonte: LAV)

06 febbraio 2012

Eppure ancora i respiri si riproducono allattatati dai sogni

Il tuo cuore era un guanto, solo tu potevi indossarlo.
Il tuo cuore era un guanto, un guanto che hai perso.
Ricordi?
Eppure ancora i respiri si riproducono allattatati dai sogni, allungati da spilli. Ogni convinzione è una perdita, ogni atto è tremenda violenza, solo l’immobilità continuamente trasporta. Come ti chiami? Mi chiedi. Che suono? Nessuno, un abbandono venduto.

Libera dolce quiete dentro un kaos chiamato amore.
Il kaos + dolce che abbia mai vissuto.
Il kaos + equilibrato della mia esistenza.
La certezza più forte della mia vita.

6Febbraio 2012.
Il calendario Maya non tace, parla sempre.
TANTA ROBA NUOVA DA SCOPRIRE.
NUOVE AMERICHE CI ASPETTANO.
ANCORA.
ANCORA.
ANCORA.

15 gennaio 2012

untitled+

E' un blog...potrei far quello che mi pare quì dentro, è il mio! e poi di regola nella vita si dovrebbe e potrebbe far quello che si vuole...
Ma....forse...a volte comprendo..che certi social network sia meglio utilizzarli a scopo lavorativo più che personale.....e questo non è un social network..solo che lo diventerà in minima parte quando pubblicherò il post su qualche social network....e allora perchè farlo? bè non ho il cervello al momento...o meglio, c'è sempre (per fortuna, ancora salva) ma è pieno di robe...quindi il caso di prendere un film, vecchio stile, cult italiano e farsi due risate che ne so...con la lingua straniera di Lino banfi, sarebbe sicuramente una scelta più saggia. E invece no! risico....
Tornata alle 5:00am, entrata in come alle 6:00am, svegliata alle 11:00am e messa in moto alle 12:00am.
Conto di lavorare...la domenica per me è il giorno del piacere e il mio lavoro è un piacere...peccato che ancora non ci guadagni ma so che presto accadrà.
Basta saperlo, non crederci soltanto.
Quale? quante passioni ho...? talmente tante che per un lavoro solo non basterebbero, ed ecco la causa della mia disoccupazione. Esperienze..tante..ed ecco la causa della mia disoccupazione. Il mondo è marcio, la metà, non esageriamo! ed ecco un altra causa della mia fottuta disoccupazione. La gente che incontro alle feste è per la maggiore buona, gli organizzatori MALATI-ESAURITI-STRAFATTI E SFATTI.
Ti sorridono e ti smorfieggiano dietro...CHE CAZZO DI PUBBLICHE RELAZIONI FANNO?
Sono fiera di essere quel che sono.."autentica".
Dispiaciuta di quel che sono.."autentica"..
è facile farsi fregare quando si è AUTENTICI dentro e fuori.
Il mondo richiede una bella facciata e niente altro...Ma nel viaggio della mia vita ho anche avuto la fortuna di conoscere gente vera...sana..buona..dentro e fuori...e questo mi da conforto.
Certo nel maledetto campo delle organizzazioni delle feste..quando vuoi raccimulare un pò di dìnero perchè ti hanno fatto gli oggetti preziosi del lavoro con cui vuoi provare a sfondare è dura pensare al lato positivo del mondo...e anora di più quando vedi il puro menefreghismo delle persone per cui hai lavorato e che hanno preso conoscenza della tua perdita durante la loro organizzazione per cui stavi lavorando GRATIS O MEGLIO CON DRINK...un altra cosa che non comprendo...nel mondo delle feste..se ti invitano a suonare o a fare filmaker non pagano...ti offrono i drink...e anche a denti stretti! ma coglioni non pensate che forse con i vostri drink il lavoro viene male? bah...sono confusa e delusa, infelice no! mai. Questa è la mia fortuna...la mia forza, le mie mille risorse, la capacità di fare, dire, agire, ed esserci nel modo migliore...poi il marcio che circonda è un altra storia...piccola delusione ma pazienza..è la vita.
E' sta cazzo di vita...ladri..bugiardi, ipocriti, sorridenti arpie pronte a sbranarti dietro quando possono.
Grazie a questo cielo il mondo è di ciascuno e ognuno decide di gestirselo come sente. Io sento positivo.
E dopo una scivolata mi rialzo.
SEMPRE.
Quindi, mi rimbocco le maniche come ho imparato a fare già da qualche anno...e proseguo....
IL TUO PICCOLO BENE VINCE, LA TUA PICCOLA CENA CON GLI AMICI + VERI, GLI AFFETTI VERI, LA COMPRENSIONE, IL PERDONO, TU E IL TUO PICCOLO MODO DI MIGLIORARE LE COSEGUENZE DEI TUOI ERRORI.
In tutto questo credo.
Documentario...aspetta ancora un pò.

08 gennaio 2012

+

Ho scritto, ho letto, ho studiato, ho amato, ho odiato, ho dipinto, ho elaborato metodi assurdi per fare cose assurde.
Ho fatto cose assurde, ho rischiato fino al punto che a volte mi son persino detta "qui ti potevano anche ammazzare".
Ho camminato sulle strade, ho dormito sulle panchine e sui letti comodi, a volte non ho dormito affatto.
Ho camminato a lungo con tacchi alti senza trovare la strada di casa, ho fatto bagni a mare di notte e all'alba… ritrovandomi in spiagge a parlare con estranei in circostanze non convenzionali.
Ho fatto autostop in piena notte, contestato e strappato centinaia di multe.
Ho incontrato prostitute senza denti e con mani nere che si facevano di crack e che ridevano e piangevano in contemporanea.
Ho pensato cose grandi, scuole in Africa, centri di accoglienza a Barcellona per togliere le donne dai marciapiedi, ho sognato di viaggiare il mondo, di fare filosofa, di vivere la vita, ho cercato e ricercato me stessa scoprendomi soltanto quando ho smesso di cercare e ho cominciato a vivere senza pormi troppe domande su chi fossi.
Ho imparato che sono una e centomila ogni giorno che passa, che dagli errori si deve imparare a imparare, che le circostanze non sempre ti conducono verso mete migliori, ma che alla fine "è stato meglio così".
Pianure, salite, discese, e di nuovo… e ancora..ma soprattutto ho imparato che senza coraggio non si può vivere.
Conosco la forza di rinascere dopo ogni piccola morte, in tempi brevi e a volte molto più lunghi.
Ho innata l'anima gitana e la speranza di una bambina fedele ai valori più leali.
Mi sono innamorata del mondo da quando ho aperto gli occhi.
Ho pianto, ho gioito, ho combattuto e ho vinto.
Ho scoperto la musica a 5 anni con il primo album di Madonna e già sognavo e volavo. Ho suonato, mi sono rimboccata le maniche centinaia di volte, anzi, migliaia e ancora di più.
Ho avuto un tempo in cui ho perduto il sorriso, in cui i libri erano i miei più fedeli amici, tempi in cui lottavo contro le ingiustizie, tempi di guerra con buste di plastica al posto delle borse e tempi di adattamento agli ambienti brillanti ma luce artificiale, e poi equilibrio.
Stare bene ovunque, con me, in me, in qualsiasi circostanza e luogo.
Giro in pigiama così come in tajer e collo di volpe.
Ho cambiato città, osservato diverse realtà.
Provato cose che nella vita bisogna provare solo per sapere quando è tempo di smettere.
Ho bevuto jack daniels di mattina di fronte al mare, vodka dentro bottigliette di succo di frutta durante le lezioni a scuola, ho avuto tra le mani cassette che mi hanno cambiato la vita, poi cd, poi mixer e voglia, tanta voglia di far tutto, skate, musica, video, fotografie, camminare, andare in bici, occupare case, condividere centri sociali, organizzare feste importanti ed essere.
Esistere.
Non ci sono parole, musiche, quadri o filmati che possano racchiudere la storia dei momenti di una vita.
Non esistono regole che stabiliscono chi tu debba essere.
Non esistono padroni e schiavi, non esiste la parola "si, scusa", ma esiste la coscienza di comprendere chi ti da un consiglio, quella si, allora la storia è diversa, basta voler capire.
Chi ti ama e ti ferisce lo fa per il tuo bene, a volte no, lo fa e basta, e grazie al perdono ho imparato a ritrovare il mio famoso sorriso, a sentire la pace di un sole in pieno inverno, e di una neve gelida che ti sfiora il viso.
Niente è ancora terminato.
Ho libri tra le mani che chissà, forse, un giorno avrò occasione di pubblicare.
Ho sogni sparsi in cassetti stracolmi per cui servono anche armadi interi… E tutta una vita per cambiare ogni giorno quel che non mi piace e trovare il coraggio per vivere di ciò di cui sento il bisogno al momento.
Senza schiavitù, vizi, servilismo e bisogni.
Ho imparato l'arte dell'autocontrollo, dell'autoironia, la buona medicina che salva da ogni circostanza!
Il silenzio quando serve e le grida quando devono occupare lo spazio.
Ho cantato, sbagliato, stonato, rimediato, perso cose, strade, occasioni, ma mai Niente vale tanto da pentirsi di quel che è stato.
Ogni cosa ha un suo perché, il mio, il tuo, il nostro, il loro.
Il destino è la vita che viviamo, così come viene.
Buongiorno e Buonanotte, Parole sante.

LaValentine

17 dicembre 2011

+

Io mi amo non mi odio.
Preferisco i nemici agli amici.
Ho questo latte acido che non so se bere.
Sto bene ovunque sto.
Ovunque vado.
Sulla strada con i tacchi a spillo o le converse
Sotto un piumone o in un materasso senza neanche le lenzuola.
Sotto un palco o sopra,
ovunque io cammini, vada, in ogni strada.
Di qualsiasi cosa mi corcondo, trovo il mio sorriso e il mio terzo dito da sbatterti in faccia.
Ovunque me, in mezzo al lusso o al degrado.
Non conosco il disagio.
Sempre uguale, sempre viva, coerente.
Perdo la testa ma la ritrovo. Io scelgo. Io posso.
Non attrubbuisco sensi di colpa ad altri, nè li prendo per loro.
Non me li faccio e basta.
Vivo o sopravvivo, con o senza, bene e male
in salita e in discesa, di corsa o con calma.
Viva.
Io
Vivo.
Non mi pento, non commetto errori, non aspetto preghiere
non ho bisogno di perdono.

15 dicembre 2011

dal mio genio personale preferito.

Amicizia

Non posso darti soluzioni per tutti i problema della vita
Non ho risposte per i tuoi dubbi o timori,
però posso ascoltarli e dividerli con te
Non posso cambiare né il tuo passato né il tuo futuro
però quando serve starò vicino a te
Non posso evitarti di precipitare, solamente posso offrirti la mia mano perché ti sostenga e non cadi
La tua allegria, il tuo successo e il tuo trionfo non sono i miei
però gioisco sinceramente quando ti vedo felice
Non giudico le decisioni che prendi nella vita
mi limito ad appoggiarti a stimolarti e aiutarti se me lo chiedi
Non posso tracciare limiti dentro i quali devi muoverti,
però posso offrirti lo spazio necessario per crescere
Non posso evitare la tua sofferenza, quando qualche pena ti tocca il cuore
però posso piangere con te e raccogliere i pezzi per rimetterlo a nuovo.
Non posso dirti né cosa sei né cosa devi essere
solamente posso volerti come sei ed essere tua amica.
In questo giorno pensavo a qualcuno che mi fosse amico
in quel momento sei apparso tu...
Non sei né sopra né sotto né in mezzo non sei né in testa né alla fine della lista
Non sei ne il numero 1 né il numero finale e tanto meno ho la pretesa
di essere il 1° il 2° o il 3° della tua lista

Basta che mi vuoi come amica
NON SONO GRAN COSA,
PERO' SONO TUTTO QUELLO CHE POSSO ESSERE

11 dicembre 2011

vecchia storia.

hola! mi piace legerti troppo. non ho habuto internet e nianke voglia di niente ho presso questi giorni per pensare... domani mi ridano la vagligia, espero tutto benne. por otra parte la idea de milano me emociona, sobre todo cuando sea un poco mas vicino el inverno, e por otra parte me fa paura pensar la vita que tu puoi fare en milano y si "riesguero" a farchila, tu hai un sacco di amicci io saro solo e cuando tu o io cominciaremo poer cualcun motivo a litigare o a habere un problema como cazzo faro, e tu que mondo circundarai, farai la dj??? estaras troppo vicina a la droga e si tu puoi esere forte supuestamente de que te la ofreno e tu dici di no... io no sono tanto forte allora cominciare a metermi della droga que te regalano e tu lo farai con me. allora saremo fotutti. mi manki! como estai come estano la tue ferita de la pelle. il dinero te lo ridaro! de una forma o un altra altro que. e puoi ti devo explicare quello que pasaba por mi mente cuando lo facheba. un beso y un abrazo grande y fuerte.

-mi manki. vorrei que tu pudieses fare un avita in barcellona e cosi poder guardarte e estar contigo.. ma a te non ti piace barcelona, io sto en la topaia e mi manka la tua voce, tu forma di essere! questo sabato facho un picolo concerto asieme a un sacco di gente anke el manu chao, para una ONG que si chiama Playing for change. voglio que tu fai la vita a barcelona. comunque dove tu sia e pensi di andare io e la mia energia ti estarano dietro io saro con te dentro di te. sapilo sempre


-hola, de verdad vendrias aqui si te compro un billete?? ayer te escribi algo, enconmtre mi ipod y pude escuchar rocket man mientras rideba como un pazzo recordando te. te amo. tengo una carta para ti. van a suceder cosas!!!!!


Non mi aspetto mica che tu mi compri il biglietto per venire a barcellona! io so come stanno le cose! non vorrei mai neanche che tu spendessi i soldi per me, vista la vita dura che hai, ma so che sei speciale e che te la cavi sempre e vivi bene, quindi sono tranquilla!
Martedì mi hanno invitato a venire a barcellona, mi pagherebbero il biglietto...ma non verrò...non sarebbe giusto soprattutto per me..Rivederti sarebbe stupendo, anzi la cosa che adesso vorrei di più, ma è giusto che io pensi alla mia vita adesso, così come tu pensi alla tua....che strano! ricordo tutto, ogni cosa!!! ogni momento passato insieme è stato speciale e intenso, a proposito...e Maya? ricordi?? quanti sogni, in brevi istanti abbiamo fatto insieme...ricordo quando ti aspettavo da tenerife, non vedevo l'ora che tu ritornassi, ti aspettavo e aspettavo, poi finalmente sei arrivato! che avventura....ultimamente, a volte mi sono sentita come in quei giorni! solo che tu non dovevi ritornare da me....e che brutta sensazione, non sai quanto! il non poter più avere un tempo per noi, ma è la vita, sono esperienze, e spero che non la dimenticherai facilmente...anche se a volte ho paura che sia già così....
a me rocket man non mi fa ridere! mi fa pensare a un viaggio! il viaggio che ho vissuto con te più che a barcellona! tu sei stato la mia barcellona! la mia meta! il mio motivo! lo so...è così..... tra poco andrò a roma a fare quel colloquio in inglese, poi spero mi chiameranno a milano a fare lo stage, lì si lavora e si guadagna!
Spero che un giorno diventerai una star della musica, chissà! ma non mollare i tuoi sogni! fai di tutto per concretizzarli, lavora, suda, mantienili in vita ma senza ucciderli per la strada o con gente che lo fa per la strada...provaci davvero! ogni giorno un po di più, perchè nella vita per ottenere quel che si vuole bisogna anche fare dei compromessi e scendere a patti con il mondo duro e far cose che non piacciono ma che porteranno in alto! quindi non mollare e non perderti dietro ai cantanti di strada...tu sei speciale, e magico per me......

non rispondermi se puoi, forse è meglio per me che ci allontaniamo e basta, così come è già....forse sono io quella che non l'ha ancora capito e accettato, testa dura come sempre! proteggiti....

con tutto il mio cuore..
La.


-ti amo, ci sto. come un canne vado rabioso paso a paso. buon giorno!

05 settembre 2011

domani è un altro giorno.

Non c'è più modo di parlare davvero.
Non c'è più e basta. Troppo lontani, troppe bugie, troppe storie andate a puttane come le tue azioni e le tue parole.
Vorrei sapere come stai, come va quel palazzo, con chi sei diventato amico e con chi meno, se ti fidi di qualcuno o se per come sei fatto tu, per logica non ti fidi mai di nessuno!
Vorrei raccontarti dei miei tatuaggi, delle mie idee, della voglia che ho di fuggire, dell'impossibilità che ho di farlo senza la tua follia al fianco che mi sprona e mi spinge a essere la parte più libera e sotterrata che è in me.
Vorrei sapere, poi, se sei felice, se con lei stai bene, chissà quante parole, calme, dolci, dette con la lingua che tanto ti eccita.
Avrete fatto l'amore, starete facendo l'amore, rullando sigarette sottili e corrette e cucinando i vostri pasti..Tutto sarà a posto e ordinato nelle vostre vite, nelle vostre case..Io invece quì non dormo, fa male la testa, penso a quanto tu sia prevedibile, ai soldi che non ho più e alla voglia immensa di fuggire da tutti e tutto.
Solitudine, incessante bisogno di isolata quiete per sfuggire o immergemi completamente in questi tortuosi pensieri...e tanto so già che non puoi leggermi più! Ho tolto il link, che cmq non avevi mai visto...Insomma...Niente. Nulla da aggiungere per il momento. Ciao.

Si, dimenticavo...non so quante ore siano passate..ma quando ti metti a letto..immagino che dormi serenamente..non è così? perchè io da sola in questo letto, come in un altro, sento la tua assenza.

27 agosto 2011

vedrai che scopriremo delle altre americhe io e te



sventoleremo le nostre radiografie per non fraintenderci
ci disegneremo addosso dei giubotti antiproiettile
costruiremo dei monumenti assurdi per i nostri amici scomparsi


e vieni a vedere l'avanzata dei deserti, tutte le sere a bere
per struccarti useranno delle nuvole cariche di piogge
vedrai che scopriremo delle altre americhe io e te
che licenzieranno altra gente dal call center
che ci fregano sempre


cara catastrofe le impronte digitali
e di notte le pattuglie che inseguono le falene
le comete come te..


per le lettere d'amore scritte al computer
che poi ci metteremo a tremare come la California amore
nelle nostre camere separate,a inchiodare le stelle
a dichiarare guerre, a scrivere sui muri che mi pensi raramente
che ci fregano sempre


e per struccarti useranno delle nuvole cariche di piogge
adesso che sei forte,che se piangi ti si arrugginiscono le guance
e per struccarti useranno delle nuvole cariche di piogge
adesso che sei forte,che se piangi ti si arrugginiscono le guance
si arrugginiscono le guance
si arrugginiscono

26 agosto 2011

+

La felicità è difficile da raccontare..è fatta di momenti che scorrono veloci quando non ce ne rendiamo conto.

Rose



Quando ero tenebra in quel momento
labbra che tremano
Piango in un angolo della stanza
La mia ferita si fa sempre più profonda mentre io agonizzo
Una promessa infangata – mi colpisce

Nessuno può salvarmi
Solamente dio
Quest'amore mi blocca e mi lacera

Ho bisogno del tuo amore. Sono una rosa rotta.
Tristezza che piove come petali nell'aria – la tua canzone
Una vita solitaria senza un posto nel mondo
Ho bisogno del tuo amore. Sono una rosa rotta.
Oh baby, salvami dal gelido dolore
con il tuo sorriso, I tuoi occhi,
e cantami, solo per me

Io voglio aver bisogno del tuo amore...
Sono una rosa rotta
Io voglio aver bisogno del tuo amore...

Quando tu sei con me in quel momento
Correvo a piedi nudi
Inseguendo la tua ombra, fermami

Quest'amore si complica sempre di più mentre cerco di chiuderlo
Baciami dolcemente, piano piano

Nessuno può salvarmi
Voglio dormire in pace
Come una rosa irrigidita dal freddo
le mie lacrime

Ho bisogno del tuo amore. Sono una rosa rotta.
Tristezza che piove come petali nell'aria – la tua canzone
Una vita solitaria senza un posto nel mondo
Ho bisogno del tuo amore. Sono una rosa rotta.
Oh baby, salvami dal gelido dolore
con il tuo sorriso, I tuoi occhi
e cantami, solo per me

Io voglio aver bisogno del tuo amore...
Sono una rosa rotta
Io voglio aver bisogno del tuo amore...

Ho bisogno del tuo amore. Sono una rosa rotta.
tristezza che piove come petali nell'aria – la tua canzone
una vita solitaria senza un posto nel mondo
Ho bisogno del tuo amore. Sono una rosa rotta.
Oh baby, salvami dal gelido dolore
con il tuo sorriso, I tuoi occhi
e cantami, solo per me

Io voglio aver bisogno del tuo amore...
Sono una rosa rotta
Io voglio aver bisogno del tuo amore...

ROSE.

25 notte-interno fumo e musica.

DIO MA CHE DAVVERO HO PENSATO DI CREDERE SUL SERIO A TUTTE QUELLE STORIE…
LE MIE.
CHE PALLE, IN QUESTO MOMENTO MI STO GIOSTRANDO SCLEROTICA, PAZZA, NEVROTICA GIOCOLIERA ACROBATICA SIMPATICA EPILETTICA. Mi giostro a fare cose essenziali e banali e mi sembrano imprese. birra rovesciata due volte, batto sulla tastiera e vorrei lasciare per berne un sorso, sigaretta sempre da accendere, posacenere da prendere che se no dici" che ppppalle gliela butterei a terra, e continuo a scrivere. aspetta un attimo ancora, prendo pure la musica e la metto nelle orecchie, la finestra è aperta ma la tenda e le luci sono chiuse. posso farlo. Ecco fatto, inalo in un accendino, faccio quel sorso, metto le cuffie e ora…..pensiamo e modifichiamo. Sai che c'è? la canzone triste che volevo non la metto più… metto bob marley, avrei anche da fumare roba seria ma per altre 4 ore mi basterà quella che ho appena finito di fumare 10 minuti fa. anzi non ne ascolto più, ritorno ingenua a tenere le orecchie aperte nel caso…eccolo….suona.


Lui è qui e si sta strisciando a terra, è disperato, non per me.
Ha voluto punirsi delle sue colpe e ora sta male, vorrebbe /dovrebbe vomitare, invece mi sbaglio, è in equilibrio perfetto a testa in giù, si reggeva con la testa forse, o con le braccia, sembra jim morrison da come guarda, come se avesse preso un acido. Lo amo.

25 agosto 2011

ma tanto l'amore non esiste.
sono seduta ad aspettare che la fila diventi lunghissima senza che l'imbarco sia aperto ed entrerò per ultima.
L'amore non esiste.
L'amore non esiste?
sono qui, quindi no.
Sono qui, con questi pensieri, quindi forse si.
Manca l'aria quindi forse si.
Manca l'illusione quindi sicuramente no.
Eppure io credo al punto da fingere di non vedere e credere, oppure semplicemente amo al punto che non importa quel che è successo.
dimentico, lascio andare, gli errori, le necessità, Lui aveva bisogno.
Non poteva dirmi, chiedere.
Forse no, L'amore non esiste.
Ma sento dentro un esplosione di musica e, ripeto, manca l'aria.
Voglio solo arrivare, farmi una doccia e dormire per 10 giorni di fila.
Il risveglio sarà un altra storia.
E non ho voglia di fotografare questo aereo.
Solo di dormire 100 anni come biancaneve.

24 agosto 2011

"El Rey"

"El Rey"

Yo sé bien que estoy afuera
pero el dia en que yo me muera
sé que tendras que llorar

Llorar y llorar
llorar y llorar

Diras que no me quisiste
pero vas a estar muy triste
y asi te vas a quedar

Con dinero y sin dinero
hago siempre lo que quiero
y mi palabra es la ley
no tengo trono ni reina
ni nadie que me comprenda
pero sigo siendo el rey

Una piedra del camino
me enseñó que mi destino
era rodar y rodar

Rodar y rodar
rodar y rodar

Después me dijo un arriero
que no hay que llegar primero
pero hay que saber llegar

Con dinero y sin dinero
hago siempre lo que quiero
y mi palabra es la ley
no tengo trono ni reina
ni nadie que me comprenda
pero sigo siendo el rey.
http://lyricstranslate.com

22 agosto 2011

chissà perchè cazzo lo chiamo ancora AMORE.



Non puoi avere sempre ciò che vuoi
Ma se cerchi bene a volte potresti proprio trovare
Ottieni ciò di cui hai bisogno

You can't always get what you want
But if you try sometimes you just might find

Guarda me, ogni volta che respiro faccio uno sbaglio.

Quindi ora ci alziamo e andiamo a caccia di un'altra giornata perfetta!

Mi sono fottuto da solo molto, molto tempo fa.

Nella terra dei Lotofagi, il tempo gioca brutti scherzi, un giorno sogni, il giorno dopo il tuo sogno è diventato la tua realtà, sono stati i momenti migliori, se solo qualcuno mi avesse avvertito; sono stati fatti degili sbagli, dei cuori si sono infranti, si sono apprese delle dure lezioni...Ci sono cose che devo mettere a fuoco,l'orologio batte le ore, il fossato si allarga, non c'è niente da fare, lui non mi vorra bene per sempre...

20 agosto 2011

Inverno - Franco Battiato

cicho latino




mio caro amico, non siamo mai stati amici, ricordo lacrime e follia dal primo giorno.
Ma ricordo anche abbracci e sorrisi,ricordo un mare che insieme non abbiamo mai visto e altri momenti che insieme non siamo stati capaci di vivere..chissà--colpa mia, colpa della strada, della vita, di ogni cosa.
Adesso, tra i fumi del tuo sigarro* tu mi dici che mi fa male...invece non sai che a farmi male sono le tue mani che non mi stringono e capiscono come un tempo.
Accetterò tutto, io sono più forte del mare, o semplicemente più forte e più sana di quel che tu credi. Solo forse, non sono abituata e serviva un uomo che mi insegnasse..
ma tra le varie maniere...le nostre non si incontravano.
Ora è una nube sopra di me, in questa stanza sola, sola, sola, sola.
Tutto è rovesciato e io che non ho mai saputo se credere o no.. mi ritrovo così..rovesciata, al rovescio. Adesso non posso che non credere a quello che c'è e che mi dai, poco ormai, praticamente niente.
Eppure, non posso far a meno di pensare che, se si volesse davvero, si potrebbe trasformare la realtà in un vero sogno. Basta Volerlo con un cuore.


E visto che questa è per te...te lo dico...e queste parole mi ricordano qualcosa..Niente è peggio di sentirsi soli... pur avendo un sacco di persone intorno, e a volte mi fa paura.
Ciao.

18 agosto 2011


Pensavo potessimo essere una favola, ma se trascuri qualcosa per molto tempo,lo sai che si rompe.
Ed è così che mi sento…Rotta. Completamente rotta.
Non è colpa tua, è mia, è sempre stata mia.

Se una facesse sesso con qualcuno e sapesse che sarebbe lultima volta in assoluto, come credi che sarebbe?
"Credo che sarebbe tremendamente triste."
"Si, anch'io…Rendimi triste".

Io...vorrei vivere in una torre d'avorio

ma c'è una marea di cacca che costantemente ne lambisce le pareti.

Ci ho riflettuto ed è facile parlare di storie a lieto fine...


ma se nella realtà uno non si impegna, se continua a fare casini... alla fine credo che non resta molto altro da fare che urlargli 'vaffanculo'... o un'altra espressione equivalente.
Quando niente gira per il verso giusto ci si dice che si è toccato il fondo, che non può andar peggio. E invece sappiamo benissimo che può certamente andare peggio, solo che le probabilità che questo succeda sono talmente basse che... il più delle volte succede.

Sarà per via delle leggi di Murphy o dell'esame di statistica non superato, fatto sta che in questa vita che mi ritrovo, più vado avanti col tempo e attraverso momenti come questo e mi dico "non può andar peggio", più capisco quanto questa frase funzioni a mo di formula magica, perché nel momento stesso in cui la si pronuncia, accade qualcosa che peggiora la situazione.

Vaffanculo vaffanculo vaffanculo vaffanculo vaffanculo vaffanculo vaffanculo vaffanculo vaffanculo. Forse sono io quello sbagliato, ma certo che tu hai fatto di tutto per confondermi le idee. Rivoglio la nostra amicizia, non fa nulla se non arriva al livello a cui eravamo prima, non importa, ma la rivoglio perché era l'unica cosa veramente bella che c'era nella mia vita. La cosa brutta è che bisogna essere in due a rivolerla, e francamente non riesco a capire se tu la rivuoi o meno. Per una volta, vorrei che tu mi dessi una risposta chiara.

07 agosto 2011

Coldplay - Easy To Please [HQ]

Gregory Alan Isakov - If I Go, I'm Going



This house
She's holding secrets
I got my change behind the bed

In a coffee can,
I throw my nickels in
Just in case I have to leave

And I will go if you ask me to
I will stay if you dare
And if I go I'm goin shameless
I'll let my hunger take me there

This house
She's quite the talker
She creeks and moans
She keeps me up

And the photographs
Know I'm a liar
They just laugh as I burn her down

And I will go if you ask me to
I will stay if you dare
And if I go I'm goin on fire
Let my anger take me there

The shingles man they're shaking
The back door's burning through
This house she's quite the keeper
Quite the keeper of you

I will go if you ask me to
I will stay if you dare
And if I go, I'm goin crazy
I'll let my darlin take me there

03 agosto 2011

Californication - Rocket Man. The Finale - s03e12



CANZONI CHE NON POSSO SENTIRE, CHE MI FANNO VENIR VOGLIA DI PIANGERE, DI NON CREDERE, DI NON LOTTARE, DI GUARDARE IN FACCIA LA REALTà.

02 agosto 2011

così vero, così pericoloso, così inaspettamente dolce e amaro.




Tutto quello che posso mai essere per te
è il buio che conoscevamo
e questo rimpianto a cui dovevo abituarmi
una volta era così giusto, quando eravamo
nel punto più alto a cui siamo arrivati
aspettandoti in hotel la sera
sapevo di non aver trovato qualcuno alla mia altezza
ma di aver colto ogni momento che potevamo cogliere
non so perchè mi sono affezionata così tanto
è una mia responsabilità e tu non mi devi niente
ma non riesco ad andarmene via

lui va via, il sole cala, lui vive il giorno ma
sono io che sono cresciuta e
in quest'ombra grigia e triste
le mie lacrime si asciugano da sole

io non capisco perchè stresso un uomo
quando ci sono così tante altre cose da affrontare?
potevamo non aver mai avuto niente di tutto questo
abbiamo dovuto schiantarci contro un muro
così questo è un inevitabile ritiro
anche se smetto di volerti
una prospettiva conclude a fatica
sarò presto un'altra donna del mio prossimo uomo

non dovrei recitare di nuovo la parte di me stessa
dovrei solo essere la migliore amica di me stessa
e non fregarmi da sola avendo in testa stupidi uomini

lui va via, il sole cala, lui vive il giorno ma
sono io che sono cresciuta e
in quest'ombra grigia e triste
le mie lacrime si asciugano da sole

quindi noi siamo la storia
la tua ombra mi copre
il cielo lassù è una fiamma
che solo gli amanti vedono

lui va via, il sole cala, lui vive il giorno ma
sono io che sono cresciuta e
in quest'ombra grigia e triste
le mie lacrime si asciugano da sole

vorrei poter dire che non ho rimpianti
e nemmeno debiti emotivi
e appena ci diamo il bacio d'addio
il sole tramonta

quindi noi siamo la storia
la tua ombra mi copre
il cielo lassù è una fiamma
che solo gli amanti vedono

lui va via, il sole cala, lui vive il giorno ma
sono io che sono cresciuta e
in quest'ombra grigia e triste
le mie lacrime si asciugano da sole

lui va via, il sole cala, lui vive il giorno ma
sono io che sono cresciuta e
va bene così, la mia profonda ombra
le mie lacrime asciutte

lui va via, il sole cala, lui vive il giorno ma
sono io che sono cresciuta e
in quest'ombra grigia e triste
le mie lacrime si asciugano da sole

lui va via, il sole cala, lui vive il giorno ma
sono io che sono cresciuta e
va bene così, la mia profonda ombra
le mie lacrime asciutte

01 agosto 2011

Lou Reed - The Power of the Heart (2008)


Tu ed io abbiamo sempre sudore e ci sforziamo
è alla ricerca del sole e non vedo per la pioggia
siamo persone diverse, non siamo la stessa cosa
il potere del sole
Ho cercato cime degli alberi, è cercato tappi
sopra l'acqua, dove le onde snap back
Ho volato tutto il mondo per portarvi indietro
ah il potere del cuore

mi hai guardato e ti ho guardato
il cuore addormentato brillava attraverso
le ragnatele wispy che stiamo respirando attraverso
il potere del cuore
Ti ho guardato e mi guardavi
Ho pensato al passato, è pensiero di quello che potrebbe essere
Ti ho chiesto ancora una volta, di sposarmi
il potere del cuore

Tutti dicono che l'amore fa girare il mondo
Sento una spumeggiante e sento un suono
del mio cuore che batte e mi giro
e trovarti davanti alla porta
mi sa che mi piace sognare un sacco
di questo e quello e cosa non lo è
e finalmente ho capito cosa era ciò che
era il potere del cuore

Tu ed io siamo sudore e la tensione
il risultato è sempre lo stesso
pensi che in qualche modo siamo in un gioco
il potere del cuore
il potere del cuore

Penso di essere stupido so che sei intelligente
il battito di un cuore di razza
Lo dico a voi e non è una allodola
sposarmi oggi
Tu mi conosci a me piace sognare un sacco
di quello che c'è e quello che non c'è
ma soprattutto ho il sogno di un sacco
il potere del cuore
il potere del cuore

65daysofstatic - radio protector

My Morning Jacket - Rocket Man





Vuoi che dica qualcosa...
camminavo...con questa nelle orecchie...e la mia direzione ha preso un altra strada, la tua.
Ho camminato cercandoti, sperando di trovarti per dirti che..A VOLTE UNA VITA SI CANCELLA IN UN ATTIMO MA PER CANCELLARE UN ATTIMO CI VUOLE UNA VITA.

11 luglio 2011

X

A PENSARCI BENE……PUR CONDIVIDENDO L'OPINIONE DI MARX..CHE LA RELIGIONE SIA SOLO L'OPPIO DEI POPOLI…
SE LA STORIA NON AVESSE AVUTO UN POTERE ETICO E MALATO, ALTRETTANTO FORTE, IN CONTRASTO CON QUELLO POLITICO e LEGISLATIVO..
NON SI SA DOVE SAREBBE ANDATO A FINIRE IL MONDO.

OGNI RELIGIONE HA SEMINATO GUERRA E SANGUE
E DI OGNI RELIGIONE CONDIVIDO SOLO IL BUONO.

ci sono due forze assetate di potere che camminano parallele e che agiscono in modo estremo.. a volte in contrasto, a volte unite..
entrambe hanno fatto e continuano a fare in parte del male e in parte del bene, perché esse sono la storia di un mondo che cmq ci appartiene e a cui non possiamo sottrarci.

06 luglio 2011

UN CANE CHE SI MORDE LA CODA...

Che vive l'istinto mischiandolo con il cuore..
un cuore vero che spaventa i codardi.

26 giugno 2011

Numb-STORDITO



Numb/Stordito

Don't move
Don't talk out of time
Don't think
Don't worry
Everything's just fine
Just fine

Don't grab
Don't clutch
Don't hope for too much
Don't breathe
Don't achieve
Don't grieve without leave

Don't check
Just balance on the fence
Don't answer
Don't ask
Don't try and make sense

Don't whisper
Don't talk
Don't run if you can walk
Don't cheat, compete
Don't miss the one beat

Don't travel by train
Don't eat
Don't spill
Don't piss in the drain
Don't make a will

Don't fill out any forms
Don't compensate
Don't cower
Don't crawl
Don't come around late
Don't hover at the gate
Don't take it on board

Don't fall on your sword
Just play another chord
If you feel you're getting bored

Don't change your brand
Don't listen to the band
Don't gape
Don't ape
Don't change your shape
Have another grape

Don't plead
Don't bridle
Don't shackle
Don't grind
Don't curve
Don't swerve

Lie, die, serve

Don't theorize, realise, polarise
Glance, dance, dismiss, apologise

Don't spy
Don't lie
Don't try
Imply
Detain
Explain
Start again

Don't triumph
Don't coax
Don't cling
Don't hoax
Don't freak

Peak

Don't leak
Don't speak
Don't project
Don't connect

Protect
Don't expect
Suggest

Don't project
Don't connect
Protect

Don't expect
Suggest


Don't struggle
Don't jerk
Don't collar
Don't work
Don't wish
Don't fish
Don't teach
Don't reach

Don't borrow
Don't break
Don't fence
Don't steal
Don't pass
Don't press
Don't try
Don't feel

Don't touch
Don't dive
Don't suffer
Don't rhyme
Don't fantasize
Don't rise
Don't lie

Don't project
Don't connect

Protect
Don't expect
Suggest
//////////////

Non muoverti
Non parlare fuori tempo
Non pensare
Non preoccuparti

Tutto è proprio bello
Proprio bello

Non afferrare
Non stringere
Non sperare d'avere troppo
Non respirare
Non conquistare

Non rattristarti senza partire

Non frenare
Solo stai in equilibrio sul recinto

Non rispondere
Non domandare
Non tentare e renditi conto

Non sussurrare
Non parlare
Non correre se puoi camminare
Non barare, competi
Non perdere il colpo giusto

Non viaggiare in treno
Non mangiare
Non rovesciare
Non pisciare nel tombino
Non fare testamento
Non compilare nessun modulo
Non risarcire
Non rannicchiarti
Non strisciare
Non svegliarti tardi
Non attaccarti al cancello

Non prenderlo a bordo
Non cadere sulla tua spada
Solo suona un altro accordo
Se senti che ti stai annoiando

Non cambiare la tua marca
Non ascoltare il gruppo
Non restare a bocca aperta
Non scimmiottare
Non cambiare la tua forma

Prendine un altro chicco

Non supplicare
Non imbrigliare
Non incatenare
Non stritolare
Non curvare
Non scartare

Mentire, morire, servire

Non teorizzare, realizzare, polarizzare

Balenare, ballare, abbandonare, scusare

Non spiare
Non mentire
Non provare
Insinuare
Detenere
Spiegare
Ricominciare

Non trionfare
Non lusingare
Non avvinghiarti
Non scherzare
Non screziare

Raggiungere il vertice

Non spandere
Non parlare

Non affannarti
Non lanciare
Non acciuffare
Non lavorare
Non desiderare
Non pescare
Non insegnare
Non raggiungere

Non prestare
Non rompere
Non recingere
Non rubare
Non superare
Non spingere
Non provarci
Non sentire

Non toccare
Non tuffarti
Non soffrire
Non rimare

Non fantasticare
Non alzarti
Non mentire

Non progettare
Non associare
Proteggi
Non aspettare
Proponi

21 giugno 2011


"Poi le cose presero un'altra piega
Rigoni comprò a credito del materiale rubato
Non pagò
e non credo avesse intenzione di farlo
Piombarono di notte a casa i creditori
ubriachi fradici
Sfondarono la porta d'ingresso a calci
e lo massacrarono di botte
Perse del sangue
l'uso della mandibola per qualche giorno
e per un paio di settimane
la voglia di vivere
Ma quell'estate era stata formidabile
Eravamo al massimo della forma
Io e Leo avevamo portato a casa una cassa di champagne
trovata in qualche angolo durante lo sgombero di una cantina
Bottiglie già scadute
che andavano alla testa appena dopo due sorsi
Passavamo i pomeriggi in cucina
Il sudore ci colava addosso
Rigoni teneva banco
le guance infuocate
Eravamo la cornice di un romanzo medievale
Noi
gli eletti
riuniti in una casa che cadeva a pezzi
immersi nel silenzio dei pomeriggi d'agosto
e fuori
fuori la peste"

19 giugno 2011

Justice - Chelsea Revenge [New Justice Track / Draft 2011 LP]


Madonna - Music Inferno


belli gli occhi blu vero? mi mancano due gradi...mi faccio le lentine e ci gioco...pensi sia stupido'???? eppure coloriamo capelli ci tatuiamo...e fingiamo di essere noi stessi ogni giorno! anzi ci proviamo con tutte le nostre forze!

strani pensieri

fingo di sentirmi bene....
non è così..il sole splende...potrei dovrei far scatoloni e suonare provare per la serata
e invece so che non farò nulla...e ho una strana ansia dentro....anche se tutto sembra sabile e preciso....sarà l'alcool..il post...sarà che me ne stravoglio andare da roma..e che non ho conosciuto un romano con la testa che non la odii quanto me.

18 giugno 2011

New-York city


pazzesco che....tutto quello che avevo sempre pensato oggi sia solo un viaggio lontano.
Oggi so con assoluta certezza cosa e dove sarò domani.
Lo so perchè lo sento.
è il mio sogno che sarà una realtà.

17 giugno 2011

*

era nato solo per me giusto?! un mio sfogo..nessuno doveva sapere di questo mio blog...potevo metterci qualsiasi cosa mi passasse per il cervello...e sono finita per farne un miscuglio di canzoni poesie e foto da mostrare.....solita vanità...orgoglio e vanità, i miei peggiori nemici...
So che sicuramente non fregherà un cazzo a nessuno e per questo ho il libero arbitrio di poterlo fare....sfogarmi, oggi, come il primo giorno, i primi giorni..
Ebbene io amo l'amore, amo le risate in un letto, le carezze e gli sguardi nei momenti in cui si pensano centinaia di cose e il cuore ti batte a mille e le paure ti arrestano il fiato....amo sentire quella sensazione dentro che poi mi lascia bene e male allo stesso tempo.
Amo che sia un semplice piccolo inspiegabile dettaglio a farmi innamorare, così, di colpo e senza spiegazioni,così come quello stesso inutile insignificante dettaglio che invece fa la differenza quando non mi innamoro e non mi concedo a un uomo.
Ho commesso enormi sbagli in vita mia...credere nell'amore e non nel mio istinto prima di tutto...credere forse nel lato genuino delle persone quando queste non ce l'avevano o non sapevano di averlo...cmq non importa adesso...perchè un anno di solitudine vera mi ha rifatto tornare la ragazza che ho sempre voluto essere e la donna che non avevo mai conosciuto di me.
Amo innamorarmi di un uomo per quell'ispiegabile motivo per cui nessuno sa trovare un senso alle cose davvero importanti della vita.
E in tutto questo spero tanto che i codardi bambini vili di oggi siano capaci di trovare la forza di ammettere che a volte è così. succede e basta.

dimenticavo....io non mi fermerò mai...mai.

Pearl Jam: Nothingman music video

Beh è il mio purgatorio davvero.

Cara Karen:

Se stai leggendo questa lettera significa che ho trovato il coraggio di spedirtela. Quindi, buon per me. Non mi conosci molto bene, ma se me ne dessi l’occasione inizierei a parlare per ore e ore di quanto sia difficile per me scrivere. Ma questa... questa è la cosa più difficile che abbia mai dovuto scrivere...
Non c’è un modo facile per dirlo, quindi lo dirò e basta. Ho incontrato una persona. È stato un caso. Non la stavo cercando, non ero a caccia. È stata la tempesta perfetta. Lei ha detto una cosa, io un’altra. E all’improvviso volevo passare il resto della mia vita facendo quella conversazione. Ora ho questa sensazione nello stomaco. Potrebbe essere lei quella giusta. È completamente pazza, in un modo che mi fa sorridere. È estremamente nevrotica. C’è molto da sopportare. Quella persona sei tu, Karen. Ecco la buona notizia. La brutta è che non so come fare per stare con te. E questo mi spaventa a morte. Perché se in questo momento non sono con te, ho la sensazione che ci perderemo, là fuori. Il mondo è enorme, cattivo, pieno di svolte e di cambiamenti. E le persone a volte si distraggono e perdono l’attimo. L’attimo che avrebbe potuto cambiare tutto.
Non so cosa succederà tra di noi, e non so spiegarti perché dovresti perdere tempo con uno come me. Ma dannazione, tu profumi di buono.. di casa. E fai un ottimo caffè. Quello conterà pur qualcosa, no?

Chiamami.

Infedelmente tuo,
Hank Moody

Il mondo è brutto e cattivo, pieno di svolte tortuose e le persone perdono il loro momento in un battito di ciglia, quel momento che avrebbe potuto cambiare tutto.

O

IL PROBLEMA NON SONO GLi UOMINI CHE OGGI DIFFICILMENTE SI POSSONO VERAMENTE CHIAMARE UOMINI...MA LE DONNE CHE TROPPO FACILMENTE SI POSSONO ANCHE CHIAMARE:TROIE-VENDUTE-PSICOLABILI ESSERI CHE si accaniscono a lasciarsi annientare dalla popolazione maschile.

L.A. Woman

http://soundcloud.com/lafrica/lavalentine-dj-set


16 giugno 2011

In tre parole posso riassumere tutto quello che ho imparato sulla vita: si va avanti.

XX


Due strade divergevano in un bosco giallo
e mi dispiaceva non poterle percorrere entrambe
ed essendo un solo viaggiatore, rimasi a lungo
a guardarne una fino a che potei.

Poi presi l’altra, perché era altrettanto bella,
e aveva forse l’ aspetto migliore,
perché era erbosa e meno consumata,
sebbene il passaggio le avesse rese quasi simili.

Ed entrambe quella mattina erano lì uguali,
con foglie che nessun passo aveva annerito.

Oh, misi da parte la prima per un altro giorno!
Pur sapendo come una strada porti ad un’altra,
dubitavo se mai sarei tornato indietro.

Lo racconterò con un sospiro
da qualche parte tra anni e anni:
due strade divergevano in un bosco, e io -
io presi la meno percorsa,
e quello ha fatto tutta la differenza.

Robert Frost

15 giugno 2011

csi destroy




Camminavo sola sulla sabbia sporca di mare. Allegra primavera italiana nel calendario. Memoria già invecchiata. Non è vero? Spiaggia e spiaggia. Passo dopo passo, sfiorando onde bagnate a delimitare il confine tra polvere e acqua. Decisioni da tirare come freccette. Partire, forse. Decodifica i tuoi desideri. Il primo aereo. Cosa da niente. Londra, Berlino, capitali esotiche. Qualsiasi scelta pur di sollevarti da questa riva già studiata. A memoria. Ogni microparticella. Ogni suono. Prepotente bisogno di emozioni nuove. Non è scappare. Non è paura. Può salvarti non respirare più salsedine. Più. Camminavo in una primavera mediterranea. Sola. Ancora oceani di pensieri inquieti acceleravano ritmi cardiaci sincopati e ansiosi. Nel confuso di un tramonto marino. Il porto a pochi passi. Liberi i gabbiani in volo. La mia ombra addosso rimproverava insicurezze più che ventenni. Mi vorrei forte e coraggiosa. Pensavo. Integra stella lucente e intanto lame metalliche mi stringevano stronze i fianchi saziandosi, rubando il dolce rimasto sulla mia pelle. Frenetica inquietudine bisognosa di felice quiete. Così poetico e triste insieme. Sentirmi romantica nel tramonto. Come sempre musica di violini elettrificati registrati in nebbiose pianure ad azzerare il sonoro naturale delle onde nervose. Cosa cerchi? Prova a rispondere a questo, se ne hai il coraggio. Viziosa incontentabile esistenza. Il porto a pochi passi. A pochi passi. Nel tramonto. Tutto ti ricorda tutto qua e sono tanti i ricordi da sedare, annullare, abbandonare. Parole e volti da evitare cercando sconosciute situazioni. Reinventare. Reinventarsi un passato e un futuro. Nuova polvere e nuove acque. Camminavo lentamente sulla mia cattiva terra mentre l'arancio del sole penetrava infuocato l'orizzonte.

14 giugno 2011



Io sono l'unica che mi può salvare dalle mie paure
dai miei acrobatici pensieri
che paralizzano l'azione
Io sono l'unica che può portare alla luce
la mia Galassia Interiore
sepolta sotto la maschera dell'impossibile
Io sono l'unica che può trasformare
la fotografia di un sogno che aleggia a ferire
nella realtà che guarisce dalla codardia
Non c'è fallimento nell'atto di vivere
E' rinunciando a giocare che si perde la partita
La libertà è dolce anche quando fa male
Libero è chi sceglie di vivere
Chi sa onorare la responsabilità di se stesso
Libero è chi ha il coraggio di osare
E di cadere per imparare a volare
Chiara allora, sarà la mia strada
La vedrei anche senza guardare
Gli ostacoli saranno incentivi
all'emozione della realtà
Che avrà finalmente
il sapore dolce piccante che mi assomiglia

«...e dunque continuerò, bisogna dire parole fin quando ce ne sono, bisogna dirle, fino a quando esse mi trovino, fino a quando mi dicano, strana pena, strana colpa, bisogna continuare, forse ormai è stato fatto, forse mi hanno già detto, forse mi hanno portato fino alla soglia della mia storia, davanti alla porta che s'apre sulla mia storia, mi stupirebbe se si aprisse, sarò io, sarà il silenzio, lì dove sono, non so, non lo saprò mai, nel silenzio non si sa, bisogna continuare ed io continuo».

Non mi pento di niente


Dalla donna che sono
mi succede, a volte, di osservare nelle altre, la donna che potevo essere;
donne garbate esempio di virtù,
laboriose brave mogli, come mia madre avrebbe voluto.
Non so perchè
tutta la vita ho trascorso a ribellarmi a loro.
Odio le loro minacce sul mio corpo
la colpa che le loro vite impeccabili,
per strano maleficio mi ispirano;
mi ribello contro le loro buone azioni,
contro i pianti notturni sotto il cuscino,
contro la vergogna della nudità sotto la biancheria intima, stirata e inamidata.
Queste donne, tuttavia, mi guardano dal fondo dei loro specchi;
alzano un dito accusatore
e, a volte, cedo al loro sguardo di biasimo
e vorrei guadagnarmi il consenso universale,
essere "la brava bambina", "la donna per bene", la Gioconda irreprensibile,
prendere dieci in condotta
dal partito, dallo Stato, dagli amici, dalla famiglia, dai figli
e da tutti gli esseri che popolano abbondantemente questo mondo.
In questa contraddizione inevitabile tra quel che doveva essere e quel che è,
ho combattuto numerose battaglie mortali,
battaglie inutili, loro contro di me
- loro contro di me che sono me stessa -
con la psiche dolorante, scarmigliata,
trasgredendo progetti ancestrali, lacero le donne che vivono in me
che, fin dall'infanzia, mi guardano torvo
perchè non riesco nello stampo perfetto dei loro sogni,
perchè oso essere quella folle, inattendibile, tenera e vulnerabile
che si innamora come una triste puttana<
di cause giuste, di uomini belli e di parole giocose
perchè, adulta, ho osato vivere l'infanzia proibita
e ho fatto l'amore sulle scrivanie nelle ore d'ufficio,
ho rotto vincoli inviolabili e ho osato godere
del corpo sano e sinuoso di cui i geni di tutti i miei avi mi hanno dotata.
Non incolpo nessuno. Anzi li ringrazio dei doni.
Non mi pento di niente, come disse Edith Piaf:
ma nei pozzi scuri in cui sprofondo al mattino, appena apro gli occhi,
sento le lacrime che premono, nonostante la felicità che ho finalmente conquistato,
rompendo cappe e strati di roccia terziaria e quaternaria,
vedo le altre donne che sono in me, sedute nel vestibolo
che mi guardano con occhi dolenti e mi sento in colpa per la mia felicità.
Assurde brave bambine mi circondano e danzano musiche infantili... contro di me;
contro questa donna fatta, piena,
la donna dal seno sodo e i fianchi larghi,
che, per mia madre e contro di lei, mi piace essere.

costretti a sanguinare


La gente mi guarda e intuisce - pensa - afferma che io sono cattivo - sarebbe troppo superficiale contestare quest'affermazione - io sono cattivo - incazzato - nauseato da ciò che piace loro - dalle cose per cui godono per quelle per cui bramano e si sbranano - si ingegnano - si esaltano schiacciando gli altri - sorridono ghiacciati...  
(Marco Philopat)

la parte dell’ascia che si vede e l’altra.Una e’ l’amore l’altra la morte.

OGNUNO DECIDE QUAL E' LA MORTE...

L’ascia conficcata nel tronco puo’ essere vista in due modi :

Dato che non c'e' verso di contaminare il suo ricordo, il suo ricordo contamina me. Questo e' l'assioma: quando si e' in due,c'e' sempre uno che impesta l'altro.

c’era una volta l’amore ma ho dovuto ammazzarlo



Il tuo corpo era mio cent'anni prima di appartenerti,ti ho salvato molte volte in altre vite,ho stritolato il tuo cuore e nessuno puo' restituirgli la forma originaria. Non c'e' nulla che abbia fatto con segrete intenzioni,non ho avuto in cambio denaro ne' onori,non c'e' stato accordo ne' ricatto. Ti sei data a me e io ti ho presa con somma attenzione.Eravamo una cosa sola,tanto che nessuno potra' stare con te senza avere anche un po' di me.Non avevi nessuna esperienza.Tra noi non e' mancato nulla.Adesso sei circondata di oggetti e hai quella che vuoi chiamare una vita. Sai che non sono portato per questo,non so svegliarmi ogni giorno accanto a qualcuno,non so scendere le scale a una certa ora ne' baciare certe persone. Sarei capace di dare a fuoco a un ospedale ma non arrivero' mai puntuale a un appuntamento.Gli esseri superiori come tuo marito fanno un lavoro eccellente.Io riesco solo a vivere e per questo mi chiamano viveur.Sono il tipo che le madri detestano e le figlie adorano.Cosa posso nascondere? lascio impronte sull'acqua.
                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                          Adesso sembro un vecchio cowboy buttato nudo sul letto solitario di un albergo da quattro soldi.Il pistolero piu' anonimo del far west.Potrei dare lezioni in un film porno.Una donna tra le mie mani non sarebbe una donna ma un luogo pieno di lampi,una furia di ardori e significati.Peccato che nessuna donna sappia portarmi a questo,peccato che sia tu l'unica donna capace di accendere la vecchia lampadina del sotterraneo.Se ti vedessi ora sarei un omicida sul fondo del mare,sarei il diavolo in persona.Quel che ho imparato non si trova nelle canzoni ne' al cinema,la mia e' un esperienza che aiuta ad attraversare i vicoli bui e a cuocere a puntino i manicaretti.Posso mettere le ossa di una donna al posto giusto,uno alla volta,posso correggere la natura,sono complice di Dio.
Direte che esagero ma voi non sarete mai lei.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                        La cosa piu dura e' pensare al tesoro perduto,al disgusto che mi divora.Sono il signor sesso,il signor morte pronta,il signor amore,e questo non mi aiuta a trovarti,questa e' un'altra delle cose che perdo con te.Tutto il futuro e' pregno di te,tutto e' ripetizione e squallore.Spero che almeno tu stia bene,che la tua festa duri,sarebbe un delitto se cosi' non fosse. 


Tutto quel che inventi e’ vero, di questo puoi star certo

Senza paura non ci sono sensazioni ma la paura deve essere astratta.
Temere cose reali ti schiaccia contro la tua stessa ombra.Senza paura la vita e' vuota e remota come un buco nello spazio siderale.La paura scalda il sangue,e' vita. La paura di cose reali rovina lo stomaco,ti fa passare molto tempo in bagno.e' morte.
Sid si e' impiccato ma nessuno puo' giurare che lo abbia fatto a causa di Nancy.Lui l'aveva uccisa molto tempo prima e forse non penso' nemmeno a lei al momento di infilare la testa nel cappio.A certa gente piace pensare che l'abbia fatto per lei,ci vedono una compensazione,ma Sidney Vicious non era fatto di quella pasta.Ogniuno conosce l'odore del proprio corpo e lo accetta,il difficile e' accettare l'odore altrui.Lìamore e' un patto tra odori,tra tipi di pus che cercano di convivere.Se arrivi al punto di stancarti del tuo stesso odore,cosa possono aspettarsi gli altri.L'ideale e' stancarsi per primi ma questo non sempre accade.
Non lo sai che il diavolo non esiste? E' solo Dio quand'e' ubriaco
C'erano due regole d'oro: 1) devi essere un duro se vuoi che ti rispettino; 2)se sei un duro devi esserlo sempre.
Tra i difetti di una certa ragazza quando l'avevo conosciuta il piu' grave era quello di ascoltare canzoni di Silvio Rodriguez e la sua corte di strimpellatori.Non era stato difficile fari sparire dalla sua vita e mettere Tom Waits al loro posto.In seguito avevo continuato a cambiare una cosa qui e una cosa li' finche' lei era diventata perfetta.Sicuramente qualcuno deve aver pensato che le era rimasto un difetto e ha fatto sparire anche me dalla sua vita.Spesso,quando la sua assenza si faceva sentire piu' straziante,l'ho cercata tanto che ho finito per canticchiare quella roba e per un po' ho scordato Tom Waits e tutto il resto,mi e' persino passata la voglia di essere neworkese.Non molti sanno che nel 1970(quando avevo solo otto anni) mio padre mi fece ascoltare Miles Davis e poi Jimi Hendrix.Quando il pezzo di Hendrix fini' si accoccolo' davanti a me e mi disse (non dimentichero' mai quella sua espressione seria): Hai sentito tutto quel che c'era da sentire.Il giorno dopo mio padre mori' investito da un autobus(quello stesso giorno Hendrix mori' a Londra soffocato dal proprio vomito) e io conservo ancora quei due ellepi'.Anni dopo ho scoperto che Hendrix e Davis erano stati amici e che si riunivano a casa di Davis per delle jam session,te lo immagini? Quei due mostri sacri insieme.Mi sarebbe piaciuto raccontarlo a mio padre.
Perche' i sogni non sono spezzati quaggiu',zoppicano soltanto,dice una canzone di Tom Waits ed era vero.La mia anima zoppicava per il passo falso ma era ancora in grado di farsi un altro giro,dovevo solo attendere la sera.E la sera arrivo' e andai incontro ai miei compari ma nessuno disse nulla.Presi da parte ciro e gli chiesi che commenti avessero fatto e lui sorrise malizioso e disse: Sei ancora intoccabile.Non  essere newyorkese e' stata forse la piu' grande frustrazione della mia vita cosi' non mi restava altro che essere un duro.Julio iglesias,Pablo Milanes e tutti gli altri fantocci potevano andare a farsi fottere perche' la mia eleganza era tornata.

il dolore e’ un piacere indimenticabile

Quel che ricordo e' il luccichio dei suoi occhi e poi le tracce della sua voce nella stretta oscurita'.Ibaci colavano sulla superficie spaventata come orologi di Dali' e cadevano nei vuoti senza folletti e poi sentii il suo odore acre dentro di me e mangiai il suo odore e il  cuore del suo odore..le mani si ripeterono fino allo sfinimento e c'erano piu' mani che posti per esse,e anche un po' di sangue e lacrime e..sullo splendore del suo corpo.Non so se e' stato bello,so che e' stato arduo e unico.Gli altri articolari sono stati inghiottiti dall'ansia.Lei non mi ha mai raccontato cosa provo'.
Fuori cieto e victor stavano ancora discutendo.Lei non si era mossa.Aprii la porta e mi sedetti con loro.Cueto e victor si guardarono maliziosi.Mi sentii male,come nudo in un mercato pubblico.Li pregai di andarsene.Si allontanarono ridendo.La chiamai.Era una notte calda.Rimanemmo seduti sulla soglia del locale per oltre due ore senza dire una parola.
In seguito l'abbiamo fatto ogni giorno,ogni secondo,ogni battito di ciglia.Non abbiamo mai perso un occasione,era una forza che aveva la meglio su ogni altra,in un certo senso il sesso ha divorato tutto il resto.Quando mi ha lasciato le ho detto che avevamo molte cose,che non poteva abbandonare tutto a quel modo,che anche in quello eravamo fatti l'uno per l'altra.Lei ha detto che quello era l'unica cosa che avevamo.Ci ho pensato.Aveva ragione.
Il tuo corpo bianco come la luna dei sogni.I tuoi occhi aperti su un enigma.Le tue mani sapienti.Scendo in fondo al mare e subito prima di morire tocco una pietra rotonda.La pietra mi riporta in superficie.Non cerco di capire cosa accade,mi sdraio sul tuo corpo e ascolto cio' che dicono le stelle.Una voce cerca di rompere l'incantesimo ma non ci riesce.Sei talmente tu,talmente bella.Un dono della morte.Il mio corpo non riesce a crederci,non credo al mio corpo.Il mio corpo si oppone come una stupida scienza tra te e me.Il tuo corpo si scioglie per lasciarmi entrare,il mio corpo e' duro come la legge,come un patto di altri.Rinuncio al mio corpo e mi abbandono al tuo,rinuncio alla mia anima.Sei il vuoto nel mio cuore,il limite del mio pensiero.

Tutti possono fingere amore ma l’odio e’ troppo reale...

L'odio e' come un figlio tarato, come un pipistrello che vola di giorno
BAGOTA'. Maggio91
Le bombe oltre a interrompere le mie attività sessuali e ad ammaccarmi il registratore, mi lasciarono senza lavoro. Disoccupato e con il freddo che si infiltrava da ogni persiana rotta non mi restò altra scelta che trasferirmi a casa di Monica. Lei non nascose la sua gioia ma la avvertii che sarebbe stata una soluzione provvisoria.
"finche non trovo un lavoro e un posto più sicuro", dissi.
"ma certo," disse lei. "Credi forse che voglia incatenarti?"          
Quella sera stessa imballai le mie cose negli scatoloni e mentre lo facevo provavo una strana angoscia ma cercai di far finta di niente. Sapevo a cosa era dovuta quell'angoscia e sapevo anche che non c'era nulla da fare, potevo solo fischiettare e fare di necessità vistù. Monica mi telefonò per dirmi che le avevano prestato un furgone sarebbe passata a prendermi dopo. Le sue buone intenzioni aumentavano la mia angoscia. Le dissi che forse doveva pensarci bene, che la convivenza con me non sarebbe stata facile. "Tu ti credi l'uomo peggiore del mondo" disse lei e aggiunse ridendo "e invece sei solo un idiota".
I primi giorni a casa di Monica furono un inferno. Se mi attardavo sotto la doccia lei si metteva a urlare di lasciarle un pò d'acqua calda. Se leggevo un libro lei voleva leggerlo con me. Se guardavo una partita di calcio in tivù lei diceva che non sopportava il calcio e mi ricordava quello che Borges aveva scritto contro il calcio. Se volevo dormire sul divano (perchè non sopportavo di dormire con qualcuno) lei diceva che avevo schifo della sua persona. Morale, mi abituai a fare la doccia più in fretta e a dormire in compagnia. Lei comincio a guardare le partite in tivù (le dissi che Borges era cieco e impotente e per quello era l'unico argentino che poteva odiare il calcio) e accettò che la lettura fosse un piacere individuale.

musica dei sex pistols

Il tizio che canta si chiama Sid Vicious,un fuori di testa della peggior specie.La donna che amava si chiamava Nancy Spungen:insieme hanno cercato di fare del loro meglio,di sfondare i duri confini della realta',e per questo hanno scopato come furetti,si sono bruciati il cervello con droghe di ogni genere,hanno vomitato la loro rabbia in fetidi alberghi.Hanno fatto valere-in tutti i sensi-la loro liberta' in un mondo di manichini ambulanti.Hanno voluto rubare un piccolo spazio di vita nel regno della morte.Sono vissuti come angeli dell'inferno e sono caduti come cani di strada.Nancy sorrideva dolcemente mentre Sid le piantava il coltello in petto quattordici volte.Sid era l'anima dei Sex pistols ma quando l'hanno sotterrato e' arrivato un altro figlio di buona donna e la storia e' andata avanti lo stesso.In realta' erano solo degli scolaretti che cercavano di fare i cattivi ma avevano dimenticato che i cattivi non cantano e ballano.
Quelli con il pelo sullo stomaco che pensano a lungo prima di addormentarsi non riescono mai a essere cattivi.Sid avrebbe potuto esserlo ma sculettava troppo bene e questo e' un imperdonabile scivolone.
Non dico che sono cattiva* pero' dico:stai all'occhio.Appartengo a quella razza indomita,che si muove in fretta,quel tipo di persone che si lasciano dietro una scia d'ansia.Ho smesso di dire bugie perche' ho perduto l'immaginazione ma non c'e' nulla di affidabile nelle mie verita'.Apro gli occhi e guardo il soffitto.Questo mi fa venire voglia di pensare.Me ne sto sdraiata a pensare per ore.
Non e' sempre stato cosi'.Come Sid e Nancy,anch'io ho cercato di arrivare in tempo per la cena ma i cartelloni pubblicitari e i segnali stradali mi hanno guastato il sangue.Come Sid e Nancy anch'io ho visto forme nelle nuvole e non sempre erano piacevoli.Come loro,mi sono sorbito sfilate di professori del cazzo e bande di militari mentre dal fondo lanciavano sputi feroci.Allora sono saltata dalla finestra e ho piggiato sull'accelleratore,sono entrata in contatto con i prati e le libellule, e a un certo punto non c'erano piu' prati ma un promettente tic-tac,un brusco accenno di musica e altri che come me cercavano il brivido.

06 giugno 2011

nuovi stili d'insonnia


il mondo é un drogato sorridendo peggiora di ora in ora, di giorno in giorno...
io non so ma dalla voglia che abbiamo d’essere in forma a volte si va ma non sai come si torna, a volte si fa quel che in fondo non bisogna, a volte si confonde differenza per somma....
Viste in più angolazioni sono più situazioni sono lo specchio di alcune tue convinzioni
e nelle tue condizioni vivi, in che condizioni vivi? Son distrazioni e non rivoluzioni